cafpubblicitàMINI

La Dichiarazione dei Redditi Semplice e Vantaggiosa.

Il Modello di dichiarazione 730 ha mostrato nel corso degli anni un crescente e costante apprezzamento da parte dei contribuenti che sempre più numerosi scelgono di presentare questo tipo di dichiarazione in luogo del modello UNICO Persone fisiche.

Il Mod. 730 è di facile compilazione e non presenta conteggi di alcun tipo.

Il contribuente deve indicare i propri redditi (esempio, i terreni e i fabbricati posseduti), i familiari fiscalmente a carico, le spese deducibili e/o detraibili e gli acconti versati. Non è previsto il quadro per il calcolo dell’imposta perché tutti i calcoli vengono fatti dal Caf al momento della presentazione del Modello.

A tutto questo si deve aggiungere la possibilità di ottenere il conguaglio immediato degli eventuali debiti o crediti d’imposta nello stipendio o nella pensione.

La procedura è lineare. Se il contribuente deve pagare l’Irpef il datore di lavoro, in seguito alla comunicazione del Caf, aumenta il prelievo delle ritenute nella retribuzione o pensione e le versa all’erario; così pure il rimborso viene aggiunto alla busta paga o pensione nel giro di qualche mese, quindi in tempi rapidi.

Insomma, niente file per pagare né per presentare la dichiarazione: ci pensa il Caf.

Inoltre, è l’unico modo per presentare la dichiarazione in forma congiunta se almeno uno dei coniugi si trova nelle condizioni che consentono di utilizzare tale modello.


Chi Puo’ Utilizzare Il Mod. 730

Possono presentare il 730 le seguenti categorie di contribuenti:

  • lavoratori dipendenti;
  • pensionati;
  • coloro che percepiscono indennità sostitutive di redditi di lavoro dipendente (es. indennità di mobilità);
  • sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • soci di cooperative di produzione di servizi, agricole, di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • giudici costituzionali, parlamentari nazionali ed altri titolari di cariche pubbliche (consiglieri regionali, provinciali, ecc.);
  • coloro che sono impegnati nei lavori socialmente utili;
  • produttori agricoli, ma solo se non devono presentare la dichiarazione 770, Irap e Iva;
  • i rappresentanti o i tutori che devono presentare la dichiarazione per conto delle persone incapaci, compresi i minori, se questi contribuenti hanno un sostituto d’imposta che può effettuare i conguagli.

I collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co) possono utilizzare il mod. 730 se conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio e il rapporto di lavoro dura almeno da giugno a luglio dell’anno in cui si presenta la dichiarazione. In caso di contratti di lavoro a tempo determinato inferiore all’anno il contribuente può utilizzare il Mod. 730 se il rapporto di lavoro dura almeno da giugno a luglio dell’anno in cui si presenta la dichiarazione e se conosce i dati del sostituto che effettuerà il conguaglio.

Le Date da NON Dimenticare

Il contribuente che sceglie di utilizzare il mod. 730 deve ricordare le seguenti scadenze:

  • entro il 31 marzo riceve il modello Cud dal sostituto d’imposta;
  • entro il 30 settembre deve presentare il mod. 730 al Caf;
  • entro il 30 settembre riceve dal Caf la copia del mod. 730 e il prospetto di liquidazione mod. 730-3;
  • entro il 30 settembre può comunicare al sostituto d’imposta di non effettuare prelievi o effettuarli in misura ridotta rispetto a quanto dichiarato nel mod. 730;
  • entro il 31 ottobre può presentare al Caf un’eventuale mod. 730 integrativo, se è necessario apportare correzioni alla dichiarazione già presentata che comportino un maggiore rimborso o un minor debito.

Presentazione del Mod. 730

Occorre allegare tutta la documentazione relativa ai seguenti dati :

  • mod. CU ed eventuale certificazione di ritenute d’acconto
  • documentazione delle spese deducibili e detraibili – attestati di versamento eseguiti (mod. F24) – dichiarazione dell’anno precedente.

 

  Site Map